Wi-Fi obbligatorio e gratuito per tutti

Posted on Ott 31 2014 - 2:42pm by Alberto Antonacci

Chissà, forse ci siamo. In un paese nel quale si passa più tempo a dire cosa fare che farlo realmente, in questi giorni è avanzata la proposta – da parte di alcuni esponenti del PD -,  che introduce l’obbligatorietà di tutti gli esercizi commerciali ad aprire la loro rete wifi al pubblico. Dalle scuole fino ad arrivare a taxi e aeroporti, tutti muniti di questa “leggenda”. Il nostro paese sotto questo aspetto è fermo come non mai; infatti nelle grandi città il wifi non è gratuito, non è ovunque  oppure necessita di credenziali per l’accesso. La gran parte degli italiani utilizza Internet attraverso uno smartphone anziché con un computer. Questo deve far ragionare se ad esempio guardiamo i  data base dell’Osservatorio sul business travel e turismo. Dal grafico emerge che nel nostro paese le strutture alberghiere sono poo attrezzate della rete Wifi.

B05a_ZGCQAAy4x0

E’ la Svezia il paese più smart con oltre l’85% degli hotel che offrono internet senza costi per l’ospite, seguita subito dalla Turchia (84,80% e prima lo scorso anno). I fanalini di coda sono Italia, Grecia e Portogallo. Questa proposta, che nel giro di pochi giorni ha generato un dibattito nazionale tra gli addetti ai lavori, porterebbe a trasformare l’Italia nel “paese più connesso al mondo”, con 15 milioni di accessi quotidiani a Internet in più rispetto a quelli attuali. Disponendo l’obbligo di possedere un router wifi, questa proposta prevede una multa di 5000 euro a coloro che entro sei mesi dall’approvazione della legge, non sono in una situazione adeguata.

Così a  distanza di dieci anni da quella famosa legge anti-terrorismo che ne vietava l’apertura, ora si passa all’obbligatorietà. Adesso bisognerà attendere e vedere se per buona parte degli italiani, questa fantasticheria possa diventare realtà.